Un uragano di gatto

 

scrub.jpgHa atteso cinque anni. Cinque anni da quella notte successiva all’uragano Katrina, dopo la quale non era più tornato a casa. Ma finalmente ce l’ha fatta e si è ricongiunto ai suoi amici umani.

Certo, Scrub ha ora un lato selvaggio che non pensava di avere, è pieno di cicatrici di battaglia, ma in fondo è ancora il gatto di casa che ama dormire sotto le coperte insieme al suo padroncino.

E’ l’inizio di Dicembre di quest’anno quando Jennifer Noble di Biloxi, una cittadina della costa del Mississippi duramente colpita dal passaggio dell’uragano Katrina nell’agosto del 2005, riceve una chiamata dalla protezione animali locale, la Humane Society of South Mississippi.

Il messaggio lasciato in segreteria diceva che avevano recuperato un gatto domestico nel cui microchip erano inserite le sue informazioni. La signora Noble pensa che ci sia un errore, richiama comunque la protezione animali e la volontaria che risponde al telefono le domanda subito a bruciapelo “Il vostro gatto è grigio e bianco?”

Scrub era (è!) un gatto Blu di Russia macchiato di bianco, quindi sì, è bianco e grigio, si ritrova a pensare Jennifer.

“Non è possibile, tu hai il mio gatto!” ricorda di aver risposto alla volontaria, “E’ sparito da cinque anni!”.

Jennifer ricorda che la volontaria le ha risposto “Incredibile! Beh…. Buon Natale allora!!”

“Questo è il potere di microchip,” afferma Tara high, la direttrice dell’ Humane Society “Non ci sarebbe stato altro modo con il quale questo gatto avrebbe ritrovato la sua famiglia. Questa è una storia molto drammatica con un finale meraviglioso. “

Scrub, che aveva circa due anni al momento della scomparsa, sembra essere in ottime condizioni. Ha solo un piccolo pezzo mancante di un orecchio e una cicatrice sull’altro in cui la pelliccia non ricresce. Residui di una vita randagia in cui ha dovuto evidentemente lottare per sopravvivere.

E’ stato portato alla protezione animali da una donna che ha detto di avergli dato da mangiare per un paio di mesi come randagio al porto, ma che si era preoccupata che all’arrivo del freddo il gatto ne avrebbe sofferto troppo. Preoccupazione forse infondata visto che era il suo quinto inverno all’aperto… ma quantomai appropriata!

La casa della famiglia di Scrub è a Sunkist, un sobborgo di Biloxi , a circa 24 chilometri da dove la sua benefattrice degli ultimi mesi l’ha trovato, a Gulfport.

Prima di Katrina, Scrub era un gatto di casa. “Dopo il passaggio dell’uragano” racconta la signora Noble “le linee elettriche erano fuori uso e non c’era corrente in casa, così, senza condizionatori, avevamo lasciato le finestre aperte per combattere l’afa. Avevamo cercato di tenerlo chiuso in una stanza, ma faceva un caldo terribile”. Così l’abbiamo tenuto nella casa aperta con noi… Ha iniziato a vagare fuori e non l’abbiamo più rivisto”

“In quel periodo lo scenario cambiava di giorno in giorno a causa delle macerie e delle ricostruzioni”, continua a raccontare la signora Jennifer “Sinceramente penso che si sia disorientato,e che non sia più riuscito a trovare la strada per ritornare”.

“Ora che l’abbiamo riportato a casa con noi, le prime ore era molto nervoso, poi si è calmato e rilassato. E quando è arrivata sera e i miei figli sono andati a dormire” dice Jennifer “ Scrub si è infilato a dormire con loro sotto le coperte!”.

Scrub dormiva sempre sotto le coperte con qualcuno dei suoi padroni, evidentemente non ha perso l’abitudine!

“Ha comunque ancora qualche momento in cui diventa un po’ nervoso. Non è docile com’era prima. C’è ora un nonsochè di selvaggio in lui, che ogni tanto compare” dice la signora Noble. Potrebbe essere la sua età, ormai è un gatto di sei o sette anni con le sue piccole manie ed insofferenze consolidate dall’età matura, ma sicuramente anche l’esperienza di cinque anni di “strada” si fa sentire.

“Se potesse parlare», conclude la signora Noble “Sono sicuro che avrebbe una bella storia da raccontarci”.

Fonte: Sun Herald – Foto: Scrub con il suo padroncino Matthew Noble, foto di Jennifer Noble

Un uragano di gattoultima modifica: 2010-12-20T10:00:00+01:00da ilmiogattoe
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Un uragano di gatto

Lascia un commento